Mrs. Fletcher: una miniserie milfosa

La sequenza che riassume alla perfezione questa miniserie targata HBO è la seguente: ci troviamo a una festa e uno sconosciuto chiede alla signora Fletcher: “Che cosa fa nella vita?”. Lei risponde con un secco: “Guardo un sacco di porno”. E non scherza affatto.

Di cosa parla Mrs. Fletcher?

La protagonista è Eve (una Kathryn Hahn semplicemente perfetta), quarantenne divorziata che lavora in un centro di assistenza per anziani. Nel momento in cui suo figlio Brendan parte per iniziare gli studi universitari, qualche ingranaggio si inceppa: rimane sola e si sente disperata. Come spesso accade in questi casi, quando qualcosa si rompe, si assiste a una rinascita o, quanto meno, a una rifondazione. E questa svolta parte da una ricerca su internet: MILF.

La narrazione alterna scene della vita di Eve a quelle del figlio. In entrambe le vite c’è qualcosa che non funziona (come in tutte le vite d’altronde). Lui è il simbolo del maschilismo occidentale, tutto muscoli e motori, non sa come si trattano le donne della sua età e si iscrive al college solo per scopare. Lei, ritrovandosi sola dopo anni di gravitazione intorno al figlio, deve fare i conti con il suo passato di mancanze e rinunce. Inizia a guardare porno e riesce a fare solo quello. Insomma, in entrambi i casi, siamo di fronte a un fallimento vero e proprio. Il fallimento di una madre, che ha rinunciato a tutto pur di favorire la crescita di un figlio (venuto male tra l’altro), e il fallimento di un figlio, che non vuole saperne nulla della madre e non sa come si sta al mondo. Il tutto è condito da personaggi secondari bizzarri e che non vivono nel mondo dei sogni. Come andrà a finire?

A chi consigliamo Mrs. Fletcher?

Spoiler a parte, vi invitiamo a guardare questa serie, perché non propone miti, superuomini o risate banali. Invita a riflettere e lo fa partendo da un tema caro a tutti ormai: la solitudine.
A noi è piaciuta molto. È firmata da Tom Perrotta, già autore del libro da cui venne tratta The Leftovers, e autore anche del romanzo omonimo da cui è tratta questa serie. In Italia non è ancora andata in onda, ma è reperibile sulla piattaforma online di HBO. La consigliamo a quelli che amano Fleabag, a quelli che adorano le serie corte (non è prevista una seconda stagione), a quelli che odiano zombie e le risate facili, a quelli che non amano i porno (si scherza!), a quelli che amano le colonne sonore fatte bene, a quelli che amano Just a Girl dei No Doubt, e infine a quelli che vogliono guardare qualcosa di serio ma senza avere gli incubi la notte.

 

Recensione della miniserie Mrs. Fletcher di A.D.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *