La storia che ha commosso la Boiler Room

In questo articolo si parla di Boiler Room e del personaggio più amato dagli spettatori della piattaforma: Ellum Guy. Ma chi è Ellum Guy? E perché è diventato famoso? E com’è possibile che la Boiler Room abbia generato un pubblico di follower assidui e frequentatori di concerti desiderosi di fama?

La Boiler Room e la nascita di un pubblico molto particolare

Gli amanti della musica elettronica conosceranno sicuramente la Boiler Room, una piattaforma che intende diffondere questo genere musicale attraverso performance che si svolgono in locali e scenari di tutto il mondo, che vengono registrati e poi caricati in rete. L’idea parte nel 2010, a Londra, ma le esibizioni hanno ormai toccato 100 diverse città del pianeta e il programma ne prevede circa 30-35 al mese. Secondo il The Guardian, la Boiler Room ha diffuso circa 3,5 miliardi di minuti di registrazione e conta su oltre 400.000.000 di visualizzazioni.

Proprio fra gli utenti online, c’è una grossa fetta di spettatori che si diverte a guardare minuziosamente i video alla ricerca di elementi da commentare, che siano essi comici, divertenti o semplicemente musicali. In particolare, gli utenti adorano lasciare un’opinione sul comportamento dei presenti durante l’esibizione, sul loro modo di ballare, sull’abbigliamento, sull’interazione con le altre persone. Insomma, chi più ne ha più ne metta. In questo modo, la Boiler Room è riuscita a crearsi un pubblico che non solo giudica la performance dell’artista, ma che ama anche spettegolare su elementi della registrazione fondamentalmente privi di senso. Ecco qualche esempio:

“Ballare è una cosa bellissima e bisogna farlo in maniera libera, ma non mi piacciono le persone che in questo video ballano alla cazzo di cane, senza essere in sincronia con il ritmo della traccia”. Oppure, “Guardate il tipo con la maglia nera, qualcuno di voi sa dirmi che cosa stesse facendo effettivamente?”. Insomma, commenti molto simili a quelli che è possibile ascoltare in Uomini e Donne di Maria de Filippi o dal barbiere. In questo modo, è nato uno dei personaggi più amati dal pubblico della Boiler Room, il famosissimo Ellum Guy.

Com’è nato l’appellativo Ellum Guy e di chi si tratta?

La figura di Ellum Guy è strettamente legata a Eric Estornel, meglio conosciuto come Maceo Plex, celebre DJ statunitense che privilegia sonorità che spaziano dalla techno all’house. Siamo a ottobre 2014, in una delle tante sale di Berlino dedicate al genere. Maceo Plex ha appena iniziato la sua esibizione. Per il pubblico online della Boiler Room ha appena avuto inizio una delle registrazioni più belle della storia della piattaforma. Siamo al minuto 3:42 della registrazione. Parte quello che è forse uno dei brani più riusciti dell’artista (Solitary Daze) e, tra coppiette allupate, ballerini a sghimbescio, cocktail volanti e primedonne isteriche e desiderose di notorietà, fa la comparsa Ellum Guy, che a dieci centimetri da Maceo Plex si sfila la camicia e mostra la t-shirt con su scritto ELLUM, l’etichetta fondata proprio da Maceo Plex.

Nel complesso, si tratta di una registrazione con un numero considerevole di personaggi atipici, sembra quasi finta per gli elementi divertenti che saltano subito all’occhio: occhietti spenti persi nelle note beethoveniane e soggetti sovraeccitati che mandano a fare in culo chi sa chi con qualcosa incollato sulla fronte. Ciononostante, è Ellum Guy a eclissare tutti gli altri. Quella che doveva essere la performance di Maceo Plex diventa lo spettacolo di Ellum Guy: occhiate d’amore ingenue nei confronti dell’artista, la bocca spalancata, un senso profondo di quasi-disagio, scaccolate nasali improponibili, la faccia da ipnotizzato-innamorato, una danza che non parte mai e improvvisi black-out facciali. In breve, a volte sembra una pala eolica offshore in un oceano in tempesta, altre una spia agli allenamenti del Napoli di Sarri o del Barcellona di Guardiola, infine un bonsai alto 10 centimetri in un bosco tedesco con fusti da 10 metri. È nato un mito, è nato Ellum Guy, che come un fedele scudiero accompagna Maceo Plex fino al termine dell’esibizione.

Il secondo incontro: gli spettatori non possono crederci

Come se si trattasse di una serie tv o di un film di successo, gli spettatori della Boiler Room passano mesi interi a commentare il video, a osannare Ellum Guy e desiderare una specie di revival del primo incontro tra Maceo Plex ed Ellum Guy nella splendida cornice della Boiler Room. Passa un po’ di tempo e l’11 novembre 2015 (un anno dopo) la Boiler Room esaudisce i desideri degli spettatori, il sogno si avvera. L’esibizione di Maceo Plex a Ibiza inizia in maniera del tutto normale, ma al minuto 7:43, sbucando da sotto la consolle come se fosse un racconto seriale, fa la sua compara di nuovo lui: Ellum Guy. È amore! I due si abbracciano e la performance scorre via liscia per il piacere di migliaia di fan di Maceo Plex e di Ellum Guy. Per comprendere quanto sia celebre l’amore tra Maceo Plex ed Ellum Guy, basti pensare che la stessa Boiler Room ha pubblicato un video intitolato The Heartwarming True Story of Ellum Guy (La commovente storia di Ellum Guy), in cui viene riassunta la loro toccante storia d’amore.

Chi è veramente Ellum Guy?

La ricerca di Ellum Guy su Google produce tantissimi risultati, tra video, interviste e pagine FB a lui dedicate, ma Ellum Guy esiste anche nella vita reale. Si chiama Christian Venturini (è italiano!) e fa il DJ e produttore musicale, con sonorità oscure che spaziano dall’house progressiva alla techno. Il suo nome d’arte è Riesen e crediamo sia doveroso inserire il link a uno dei suoi brani, sia per quanto detto finora ma soprattutto perché crediamo che non sia per niente male. Vi invitiamo ad ascoltarlo ma anche a leggere i commenti ai video qui sotto perché sono davvero molto divertenti.

La nascita di un pubblico online di pettegoli e di un pubblico live esibizionista

Questa storia ci insegna che la Boiler Room ha creato due mostri. Da una parte troviamo persone reali desiderose di mettersi in mostra, sfruttando la telecamera della Boiler Room come trampolino di lancio verso una notorietà effimera e di settore. Non a caso nei video mai nessuno compare di spalle alla telecamera. Dall’altra, ha generato un pubblico di utenti online che ama vivere o rivivere determinate esibizioni ma che soprattutto adora commentare le inanità dei giorni nostri.

 

RIESEN

IL PRIMO INCONTRO

IL SECONDO INCONTRO

*L’immagine di anteprima è tratta dalla pagina Facebook chiamata “The ELLUM GUY”.

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *