Si avvicina un’altra edizione dell’AMFest ed è nuova di zecca

A ottobre si terrà a Barcellona la settima edizione dell’AMfest, il festival dedicato alla musica strumentale. Più che un ritorno è una rinascita: quest’anno il festival è completamente rinnovato con una nuova location e un nuovo formato, 3 giorni di concerti con più di 25 esibizioni. Per gli organizzatori è “il festival che da sempre abbiamo avuto in testa” e diventerà realtà nella fabbrica di creazione Fabra i Coats (già sede del fighissimo MIRA festival).

Quello che non cambia è l’offerta musicale. Tre stage mescoleranno stili diversi, dal post-rock all’elettronica, dal rock progressivo alla musica sperimentale, dalla psichedelia all’ambient, con orari diversi (dalle 15h all’1 di notte) e -attenzione- senza sovrapposizioni.

 

https://www.mondosonoro.com/wp-content/uploads/2018/06/amfest.jpg

 

Il cartellone di quest’anno è forse il più ambizioso nella storia del festival, sia per i grandi nomi che per i gruppi semisconosciuti del rock strumentale su cui hanno scommesso. Tra i big spiccano i Mono, una delle band più importanti del post-rock degli ultimi 20 anni, gli spagnoli Toundra che presenteranno il loro Vortex, gli Amenra con il loro sludge malinconico e dilatato e gli eclettici The Notwist. Senza dimenticare i britannici 65daysofstatic che tornano a Barcellona per presentare il loro Decomposition Theory Show , uno spettacolo A/V unico dove il live coding fa da protagonista.

Il resto del programma non è da meno e pieno di anteprime. Per gli amanti del doom e post-metal, gli A Storm of Light di Josh Graham sono pronti a far tremare la Fabra i Coats con il loro nuovo album. Anche un altro membro dei Red Sparrowes sarà presente all’AMFest: Emma Ruth Rundle presenterà il nuovo disco con la sua band al completo e per la prima volta in Spagna. A grande richiesta tornano i Mutiny on the Bounty con il loro math-rock e ci riprovano i My Sleeping Karma, che cancellarono la data all’edizione di due anni fa. Tra i nomi scorgiamo anche, con grande orgoglio, i nostrani Giardini di Mirò, che presenteranno in anteprima il loro nuovo album in uscita per 42 Records proprio a ottobre.

Non mancano ovviamente i nomi locali, tra cui i Playback Maracas che abbiamo già avuto modo di apprezzare durante lo scorso Primavera Sound e che avranno il compito di aprire le danze nella serata di venerdì.

Insomma, ce n’è per tutti i gusti! Segnate sull’agenda 12,13 e 14 ottobre: appuntamento con l’AMFest nuovo di zecca.

 

Articolo di Gemma Capezzone

Leave a Reply

Your email address will not be published. Required fields are marked *